Storie di passeggino

dicembre 21, 2011 § Lascia un commento

20111221-233815.jpg
Io preferisco portare il bambino nella fascia ma la mia povera schiena non mi permette di fare lunghi tragitti sicché spesso sono costretta ad usare il passeggino che in alcuni casi sarebbe proprio comodo.
Perché in alcuni casi? Perché non siamo in Francia, non siamo in Olanda, non siamo in Svezia.. Devo andare avanti?
Siamo italia! E il minimo che ti possa capitare sono le seguenti cose:
Esco di casa con il passeggino che non passa dalla porta dell’ascensore, ma non importa ho comprato un passeggino un po’ costoso proprio perché si smonta facilmente.
Quando esco dall’ascensore ci sono ancora due rampe di scale ma va be’ il mio passeggino era si un po’ costoso ma per lo meno impennandolo riesco a fare le scale con una ruota. Dall’ascensore sono uscite con me diverse persone giovani e prestanti ma nessuno si é offerto di aiutarmi anzi mi hanno pure un po’ spintonata perche intralciavo la loro uscita. Ma finalmente siamo in strada e posso andare zonzo purtroppo peró non riesco ad uscire dal marciapiede ne ad attraversare la strada perché ci sono moto parcheggiate ovunque lungo il marciapiede e una macchina addirittura sulle striscie, ma dopo aver camminato un bel po’ oltre e ben oltre alla mia direzione riesco a trovare dei buchetti in cui zig zaggare. Il mio passeggino era si un po’ costoso ma perlomeno é talmente agile che gira su se stesso e può essere guidato con una mano sola, sicché riesco a fare la gimcana tra le moto parcheggiate in contravvenzione non contravvenuta.
Finalmente raggiunto l’altro marciapiede non riesco ad a dare oltre perché c’è un palo piantato in mezzo e non posso aggirarlo dalla strada per via delle moto idem come sopra.
Qui nemmeno un passeggino ancora più costoso potrebbe farci nulla e allora torno indietro. Peró schiaccio una merdaccia, spero di cane, ma ve be’ il mio passeggino era si un po’ costoso peró si possono staccare facilmente le ruote così le posso portare a casa separatamente e lavarle.
Separatamente nel senso che anche il passeggino lo devo portare a casa perché non si può lasciare nel portone e comunque li rubano.
Meno male che il mio passeggino ha degli ammortizzatori super con le ruote grandi e i cuscinetti a sfera perché le strade qui sono talmente disastrate che sembra di fare del fuori strada. I normali passeggini leggeri e di costo accessibile con dei buchi cosi per strada si distruggono dall’uso dopo pochissimo.
Quindi la morale é che non solo girare per le cittá é un incubo ma pure bisogna svenarsi per il passeggino se no é un doppio incubo. Ora per noi con i bimbi é un grande fastidio ma io non posso fare a meno di pensare a quelle persone che sono costrette sulla sedia a rotelle, che hanno il diritto di girare la città come tutti, a quanti ostacoli sono sottoposti.
Ma la cosa che più mi fa specie sono le persone che non solo non si offrono mai ne di aiutare ne di lasciar passare ma proprio ti vengono addosso, nei negozi mi spintonano, mi chiudono le porte in faccia (oramai ho imparato ad uscire di schiena) mi travolgono all’uscita dei negozi e degli ascensori.
Ma Genova é bella comunque e fortunatamente ha questa bella fontana che a me piace tanto e la sera prima di tornare a casa, se ho schiacciato la merdaccia mi aiuta a pulire le ruote.

Annunci

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Storie di passeggino su Pomme de reinette et pomme d'api 's Blog.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: